Libertà di pubblicare

Da Libro bianco.
Versione del 14 dic 2009 alle 17:20 di Mborghi (discussione | contributi) (Creata pagina con '==''Categoria: Voci== ''Heidegger durante il nazismo era libero di pubblicare ciò che voleva'' ---- La veridicità di questa voce, che nasce a p. 112 del libro di Farias …')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search

Categoria: Voci

Heidegger durante il nazismo era libero di pubblicare ciò che voleva



La veridicità di questa voce, che nasce a p. 112 del libro di Farias (vedi Riferimenti bibliografici), si può verificare leggendo l'elenco degli scritti pubblicati da Heidegger tra il 1934 e il 1945:

  • 1936: Hölderlin und das Wesen der Dichtung (19 pagine) nella rivista "Das Innere Reich"
  • 1942: Platons Lehre von der Wahrheit (28 pagine) nella rivista "Geistige Überlieferung"
  • 1943: Vom Wesen der Wahrheit (28 pagine) (tiratura clandestina, senza intestazione né nome dell'autore)
  • 1943: Andenken (57 pagine) nel volume collettaneo per il centenario della morte di Hölderlin (a cura di P. Kluckholn)


Dunque, durante il nazismo Heidegger pubblicò _quattro_ scritti per un totale di 132 pagine.


Voce utilizzata nei seguenti Articoli:

[2070927IUN2]