Libertà di pubblicare

Da Libro bianco.
Versione del 22 mag 2012 alle 19:08 di Mborghi (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search

Categoria: Voci

Heidegger durante il nazismo era libero di pubblicare ciò che voleva



La veridicità di questa voce, che nasce a p. 112 del libro di Farias, si può verificare leggendo l'elenco degli scritti pubblicati da Heidegger tra il 1934 e il 1945:

  • 1936: Hölderlin und das Wesen der Dichtung (19 pagine) nella rivista "Das Innere Reich"
  • 1942: Platons Lehre von der Wahrheit (28 pagine) nella rivista "Geistige Überlieferung"
  • 1943: Vom Wesen der Wahrheit (28 pagine) (tiratura clandestina, senza intestazione né nome dell'autore)
  • 1943: Andenken (57 pagine) nel volume collettaneo per il centenario della morte di Hölderlin (a cura di P. Kluckholn)


Dunque, durante il nazismo Heidegger pubblicò quattro scritti per un totale di 132 pagine.

Voce utilizzata nei seguenti Articoli:

2070927IUN2