2141216IST

Da Libro bianco.

Indice

Da Lutero a Heidegger le radici filosofiche dell’antisemitismo

La Stampa, 16 dicembre 2014


Alessandra Iadicicco


Capita ancora oggi che la filosofia faccia sensazione. Non è la prima volta che attorno a Martin Heidegger si crei lo scandalo. La news sensazionale di quest’anno è la pubblicazione dei suoi Quaderni neri. Che sono usciti la scorsa primavera in Germania in anticipo sui tempi che Heidegger stesso aveva stabilito, prevedendone la pubblicazione a conclusione della sua monumentale opera omnia. E che, con le loro dichiarazioni antisemite, non certo cadute inavvertitamente dalla penna nell’ambito di una scrittura privata, ma profondamente incardinate nel sistema del pensiero dell’essere, hanno gettato scompiglio nelle opinioni pubbliche.

In Italia i tre volumi del testo usciranno entro il 2015 da Bompiani. Ma già sono disponibili un paio di saggi utili a inquadrare il problema. Sono appena usciti dalle edizioni Ets gli atti di una giornata di studio tenutasi a Pisa in luglio, con gli interventi di studiosi internazionali, da Peter Trawny, curatore degli Schwarze Hefte in Germania, a Jesús Adrián Escudero, a Dean Komel a Alfredo Rocha De La Torre: Metafisica e antisemitismo, a cura di Adriano Fabris. Ma un testo imprescindibile per capire a fondo un nodo filosofico tanto oscuro è quello che Donatella Di Cesare, ordinario di teoretica alla Sapienza di Roma, ha scritto per Bollati Boringhieri: Heidegger e gli Ebrei.

È un libro coraggioso. Di notevole spessore teorico, perché, al di là del clamore scatenato intorno all’affare-Heidegger, punta dritto al cuore della questione: là dove, nel pensiero di Heidegger, la questione dell’essere incrocia la questione ebraica. Mette in luce con chiarezza - sorprendente rispetto alla ben nota oscurità della prosa heideggeriana, in cui pure sapientemente si addentra per interpretare - le radici filosofiche dell’antisemitismo del pensatore tedesco, intrecciate a una fitta tradizione che risale, in Germania, almeno a Lutero. Soprattutto si guarda bene dal pronunciare condanne o assoluzioni - come Di Cesare, dalla sua posizione di vice presidente della Heidegger-Gesellschaft e membro della comunità ebraica di Roma, poteva essere portata a fare - e si propone solo di fornire tutti gli elementi per capire.

Voci utilizzate nell'articolo

Metodi applicati

Articoli collegati

Strumenti personali