2021100IMM

Da Libro bianco.

Indice

Logica

Appunti per una sconosciuta) (Perciò incompiutamente trascritti) La trascrizione del corso tenuto da Heidegger nel 1934 al posto del preannunciato “Lo Stato e la scienza”, in cui il filosofo che aderì al nazismo tratta una serie di questioni storiche en precise e prende posizione rispetto alla realtà politica del tempo


Micromega, maggio 2002


Curatore anonimo


Il testo qui tradotto è la trascrizione del corso universitario di Martin Heidegger tenuto all’unversità di Friburgo nel semestre estivo del 1934, poco dopo aver rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di rettore, assunta poco meno di un anno prima nel maggio dl 1933. Si tratta di un documento di straordinaria importanza, che consente di valutare da vicino il rapporto di Heidegger con il nazionalsocialismo e l’influenza che esso ebbe sullo sviluppo del suo pensiero. Nel bollettino ufficiale dell’università Heidegger aveva annunciato in origine un corso sul tema «Lo Stato e la scienza», che avrebbe dovuto tenersi il martedì e il giovedì dalle 17 alle 18. Per ragioni che andrebbero indagate - secondo alcuni per segnalare una cesura rispetto al suo impegno nazionalsocialista – egli cambiò la tematica prevista tenendo un corso sul problema della logica. Il corso permette in realtà di seguire come sotto questo titolo in apparenza astratto Heidegger tratti una serie di questioni storiche ben precise e prenda posizione rispetto alla realtà politica del tempo. La presente traduzione si basa sulla trascrizione del corso conservata nel lascito di Helene Weiß, di cui è esecutore fiduciario Ernst Tugendhat, nipote della Weiß. In una intervista alla Radio Suisse Romande DRS del 29 settembre 1989 Tugendhat ha ricordato che sua zia fu allieva di Heidegger a Friburgo, ma non potè addottorarsi con lui «per il fatto che ero ebrea». Nel lascito della Weiß sono però conservate le trascrizioni di numerosi corsi di Heidegger, tra cui quella qui tradotta. L’autore della trascrizione non è tuttavia la Weiß, bensì, probabilmente, Luise Grosse, poi maritata Krohn. L’importanza di tale trascrizione è tanto maggiore in quanto il manoscritto originale di Heidegger è andato perduto o, probabilmente, è rimasto in possesso della persona cui Heidegger lo aveva prestato (Ernesto Grassi?). La trascrizione è stata pubblicata in tedesco con versione spagnola a fronte da Victor Farias in una coedizione del Ministerio de Educacion y Ciencìa con Anthropos, Editorial del ombre: Lógica, Lecciones de M. Heidegger (semestre verano 1934) en el legado de Helene Weiß Madrid-Barcelona 1991, XCIX-135 pp. La versione ufficiale del corso, ricostruita da Günter Seubold sulla base di un’altra trascrizione, e sensibilmente diversa, specialmente nella strutturazione, da quella qui tradotta, è stata pubblicata nell’ambito della Gesamtausgabe, vol. 38, Klostermann, Frankfurt a.M. 1998, 175 pp. Avremmo preferito pubblicare, fianco a fianco le due diverse versioni per consentire al lettore un giudizio sulla rilevanza filosofica e filologica delle differenze. Ma per la ricostruzione di Seubold non c’è stato concesso il permesso per la pubblicazione una tantum, dai titolari dei diritti.



Voci utilizzate nell'articolo

Colleghi e studenti ebrei

Attendibilità della Gesamtausgabe


Metodi applicati

Il documento inedito


Altri articoli collegati

2021203IRE

Strumenti personali